Tuttesatte Logo

Concorso 222 Assistenti tecnici Ministero della Giustizia

Apr 19, 2021

Nominata la Commissione Esaminatrice per il concorso pubblico di 222 posti nel profilo di Assistente Tecnico presso il Ministero della Giustizia.

Il 28 settembre 2021 è stato pubblicato l’avviso con la conferma delle date delle prove preselettive e le modalità di svolgimento delle stesse.

La prima prova scritta, comune a tutte le specializzazioni, del concorso pubblico, per esami, a n. 142 posti – elevati a n. 222 – a tempo indeterminato per il profilo professionale di Assistente Tecnico si svolgerà nei giorni 4 e 5 ottobre 2021.

La seconda prova scritta, diversa per ogni specializzazione, si svolgerà nei giorni dall’11 al 15 ottobre 2021 presso la Scuola di formazione e aggiornamento per il personale del Corpo di polizia e dell’Amministrazione penitenziaria “Giovanni Falcone” di Roma, via di Brava n. 99.

L’avviso relativo al calendario dettagliato contenente i termini e le modalità di svolgimento delle suddette prove, nonché la conferma delle date stesse, sarà pubblicato nella scheda di sintesi del concorso a far data dal 27 settembre 2021.

I posti messi a concorso per questo ruolo sono passati da 142 a 222.

Inoltre in data 30 giugno 2021 sarà pubblicato il diario delle prove d’esame sul sito ufficiale del Ministero della Giustizia.

Il 18 gennaio il Ministero della Giustizia ha pubblicato il bando di concorso per 142 posti a tempo indeterminato come assistente tecnico.

Ci sono diversi profili messi a concorso:

  • 32 posti con specializzazione elettronica (codice TE02);
  • 40 posti con specializzazione edile (codice TE01);
  • 32 posti con specializzazione meccanica (codice TM04);
  • 6 posti con specializzazione agraria (codice TA05);
  • 32 posti con specializzazione elettrotecnica (codice TE03).

Seguici su Facebook!

Quali sono i requisiti richiesti per partecipare?

  • Cittadinanza italiana;
  • Godimento dei diritti civili e politici;
  • Diploma di scuola secondaria di secondo livello;
  • Idoneità psicofisica allo svolgimento delle mansioni;
  • Qualità morali di condotta;
  • Abilitazione all’esercizio della professione nella specializzazione per cui si concorre;
  • Nessun limite di età.

Quali sono le prove previste?

La prova preselettiva è costituita da domande a risposta multipla su:

  • Capacità logico-deduttiva;
  • Ragionamento logico-matematico;
  • Ragionamento critico-verbale;
  • Elementi di ordinamento penitenziario;
  • Nozioni di legislazione sociale e norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro e degli incendi.

Il punteggio della prova preselettiva non è utilizzato per la graduatoria di merito finale.

In attesa di un’eventuale pubblicazione di banca dati ufficiale

ACCEDI AL SIMULATORE

Quali sono le fasi successive?

La prima prova scritta è comune a tutti i profili e prevede quiz a risposta multipla su:

  • Elementi di ordinamento penitenziario;
  • Legislazione sociale e norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro e degli incendi;
  • Nozioni di diritto costituzionale e amministrativo, sul rapporto del pubblico impiego.

Ci sarà una seconda prova scritta?

Sì, ed è diversa per ogni codice di concorso.

La prova è basata un’elaborazione di disegni.

Inoltre una relazione illustrativa su un tema di progettazione in ambito penitenziario.

In cosa consiste la prova orale?

La prova orale consiste in un colloquio su tutte le materie delle prove scritte ed inoltre su:

  • Normative tecniche principali per la disciplina degli impianti;
  • Nozioni sulle opere che regolano l’appalto delle opere pubbliche;
  • Ulteriori materie per ogni specializzazione;
  • Conoscenza di apparecchiature e applicazioni informatiche;
  • Conoscenza della lingua straniera scelta dal candidato in fase di domanda.

Scarica l’APP e inizia da esercitarti

Se vuoi ricevere informazioni su concorsi di prossima uscita e altre novità

Iscriviti alla Newsletter!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.