Tuttesatte Logo

Vice Direttore Logistico Gestionale Vigili del Fuoco

Lug 12, 2022

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il concorso pubblico per esami da ventisette posti per l’accesso alla qualifica di vice direttore logistico-gestionale del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco.

Ultimi aggiornamenti

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

SCARICA IL BANDO

Posti disponibili

I posti disponibili per la qualifica di Vice Direttore logistico-gestionale del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco sono 27.

È prevista una riserva di posti?

  • Il 25 per cento dei posti disponibili è riservato al personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che sia in possesso dei requisiti richiesti ad eccezione dei limiti di età;
  • Il 10 per cento dei posti al personale volontario del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco iscritto negli posti elenchi da almeno sette anni ed abbia effettuato non meno di duecento giorni di servizio;
  • Il 2 per cento dei posti agli ufficiali delle Forze armate che abbiano terminato la ferma biennale.

Requisiti per la partecipazione per vice direttore vigili del fuoco

  • Cittadinanza italiana;
  • Godimento dei diritti politici;
  • Età non superiore agli anni 45;
  • Laurea magistrale in giurisprudenza (LMG/01), scienze dell’economia (LM-56), scienze della politica (LM-62), scienze delle pubbliche amministrazioni (LM-63), scienze economico-aziendali (LM-77);
  • qualità morali e di condotta.

Come e quando presentare le candidature

La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata telematicamente attraverso l’applicazione disponibile al sito concorsionline.vigilfuoco.it

Per accedere all’applicazione i candidati devono essere in possesso del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID)

La domanda può essere inoltrata entro e non oltre le ore 24:00 del 27 giugno 2022.

Inoltre bisogna essere in possesso di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC).

La prova preselettiva per vice direttore vigili del fuoco

Qualora il numero delle domande presentate superi di almeno dieci volte il numero dei posti messi a concorso, l’ammissione alle prove di esame può essere subordinata al superamento di una prova preselettiva.

L’eventuale prova preselettiva, che potrà svolgersi presso sedi decentrate o anche in via telematica da remoto, consiste nella risoluzione di quesiti a risposta multipla vertenti sulle materie oggetto delle prove di esame.

La votazione riportata dal concorrente nella predetta prova non può essere inferiore a 6/10 (sei/decimi).

Il punteggio della prova preselettiva non concorre alla formazione del voto finale di merito.

Le prove d’esame

Le prove di esame sono costituite da due prove scritte e da una prova orale.

La prova scritta

La prima prova scritta consiste nella stesura, senza l’ausilio di strumenti informatici, di un elaborato nella materia del diritto amministrativo.

La seconda prova scritta inoltre consiste nella stesura, senza l’ausilio di strumenti informatici, di un elaborato nella materia della contabilità di stato.

Sono ammessi alla prova orale altrettanti candidati che abbiano riportato in ciascuna prova scritta una votazione non inferiore a 21/30(ventuno/trentesimi).

La prova orale

La prova orale verte, oltre che sulle materie oggetto delle prove scritte sulle seguenti materie:

  • Diritto costituzionale;
  • Diritto dell’Unione Europea;
  • Scienza delle finanze;
  • Ordinamento del Ministero dell’interno, con particolare riferimento al Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile e ordinamento del personale del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco.

Nell’ambito della prova orale è accertata la conoscenza della lingua straniera, scelta dal candidato e la conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.

La prova orale si intende superata se il candidato ottiene una votazione non inferiore a 21/30 (ventuno/trentesimi).

La valutazione dei titoli

La commissione esaminatrice valuta, a parità di punteggio ottenuto durante le fasi concorsuali, i seguenti titoli con il seguente ordine di preferenza:

  • Abilitazioni professionali correlate alle lauree magistrali: punti 3;
  • Dottorato di ricerca afferente alle lauree magistrali: punti 2;
  • Lauree magistrali diverse da quella considerata quale requisito di partecipazione al concorso: punti 1.

I titoli non sono cumulabili e non sono valutabili per i candidati che non abbiano conseguito pari punteggio nelle prove di esame.

Prova gratuita simulatore quiz

Per le materie previste da bando per l’eventuale prova preselettiva hai a disposizione
il simulatore di TUTTESATTE, con il quale puoi subito effettuare una prova gratuita ed esercitarti con la banca dati creata dai nostri esperti.

Inoltre puoi allenarti anche con le singole materie del concorso che vengono aggiornate e incrementate continuamente con nuovi quiz.

ACCEDI AL SIMULATORE

Manuali studio

Studiare assiduamente ed esercitarsi con le simulazione quiz delle prove preselettive, aumenta notevolmente la possibilità di vincere i concorsi pubblici.

Scarica l’APP e inizia ad esercitarti con i quiz del simulatore di tuttesatte.it

Se vuoi ricevere informazioni su concorsi di prossima uscita e su tante altre novità

Iscriviti alla Newsletter!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.